© RI-FARMA.ORG - 2022

ri-farma logo (180 x 80 px)

Fa parte di: NUOVIDEA SRL

Via Legnano, 12 - 20121 Milano
(numero REA MI-2637384)
C.F. & P.IVA 02122340686

info@ri-farma.org


linkedin
facebook
instagram

BLOG

Cosa leggere nel bilancio della farmacia?

2022-08-24 08:15

Giuseppe Salvato

Gestione, Consigli Pratici, Gestione Farmacia, Bilancio Farmacia, valutazioni, Controllo di Gestione, Frmacisti,

Cosa leggere nel bilancio della farmacia?

Caro Farmacista,nella costruzione delle informazioni utili al processo decisionale, il bilancio non è equivalente ad un sistema di controllo di gestio

Caro Farmacista,

nella costruzione delle informazioni utili al processo decisionale, il bilancio non è equivalente ad un sistema di controllo di gestione della farmacia, perché si tratta di uno strumento necessario innanzitutto alla Stato per finalità fiscali. Tuttavia, la sua analisi integra il sistema di gestione e lo completa. Avere il controllo della propria impresa, infatti, significa non subire passivamente le scelte altrui relativamente alla propria attività.

Se è pur vero che i dati ivi compresi sono troppo sintetici, quantomeno per ottenere informazioni sul piano della struttura finanziaria della farmacia la lettura del bilancio è imprescindibile. Infatti, permette di dare risposte a quesiti come i seguenti:

rifarma---giuseppe-salvato-240822.jpeg

1. la farmacia è solvibile? Liquidità e crediti commerciali iscritti a bilancio devono essere regolarmente superiori all’ammontare dei pagamenti correnti (scoperti bancari, fornitori, rimborso di rate di finanziamento);
 

2. il patrimonio investito dal titolare è adeguatamente remunerato? Rapporta gli utili alla somma tra capitale proprio (o sociale) e riserve: la percentuale risultante dev’essere maggiore rispetto ad investimenti più sicuri di quelli imprenditoriali, considerando anche la remunerazione del rischio d’impresa;
 

3. il capitale di terzi (mutui, TFR, scoperti di conto corrente, fornitori e debiti vari) è molto più alto del patrimonio netto (capitale proprio o sociale, riserve, utile d’esercizio)? Quantomeno il capitale permanente (patrimonio netto e debiti a lungo termine) dovrà superare nell’ammontare i debiti a breve scadenza per evitare crisi di solvibilità, anche temporanee. Sei d’accordo?

ri+farma - newsletter.jpeg

SE HAI RISPOSTO "NO" ALMENO UNA VOLTA

RESTA CONNESSO, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

CARO TITOLARE RISPONDI

A QUESTE 3 DOMANDE:

 

1. TI SENTI SODDISFATTO DELLA TUA FARMACIA OGGI?
 


2. HAI UN PROGETTO CHIARO PER LA TUA AZIENDA? 
 

 

3. HAI INIZIATO A REALIZZARLO CONCRETAMENTE?